contest creare magliette personalizzate musica. la storia della musica. gli effetti della musica su uomo, animali e piante. curiosità sulla musica.

28 Giu La musica: storia, effetti su uomini, piante, animali e il nuovo TEEchallenge #TeeserMusicAwards

La musica, quando la ascolti ti percorre tutto il corpo e ti da una carica che nessuna droga può eguagliare.
Accompagna gran parte della nostra vita fin dai primi anni della nostra età stimolando emozioni e ricordi.
Come direbbe un famoso spot di Lufthansa, la musica è questione di chimica.

Questione di chimica

Il principale effetto di benessere che la musica produce è dovuto alla dopamina rilasciata nel corpo. La dopamina stimola il circuito cerebrale sottocorticale nel sistema limbico che gestisce le risposte fisiologiche a stimoli emotivi. Il dato sorprendente è che musica, cibo, sesso e droghe attivano lo stesso sistema.
Un altro dato significativo è la memoria che immagazziniamo ascoltando. E’ dimostrato infatti che la risposta celebrale ad un suono è condizionata da quelli percepiti in passato; è per questo che ognuno di noi ama un genere e canzoni diverse. In base al nostro personale database rispondiamo diversamente a stimoli uditivi e produciamo diversi livelli di dopamina condizionando il nostro umore.

Non finisce qui, la musica influenza linguaggio portandoci ad elaborare uno stesso concetto in due modi diversi se sotto l’effetto di musica o meno. Ha inoltre un impatto estremamente rilevante nel rallentare la progressione di alcune malattie. Stiamo parlando della musicoterapia.
La musica influenza tutto di noi, emozioni, linguaggio, movimento e ci porta ad interpretare la realtà che ci circonda in modo diverso l’uno dall’altro. E’ straordinariamente efficace e potente.

Silenzio in aula, un po’ di storia

Se ci pensiamo a fondo tutto produce musica a partire dal battito del cuore. E’ dimostrato che i bimbi nati prematuri traggono benefici dal battito del cuore materno o dai suoni che lo imitano, musica per l’appunto.
La musica quindi esiste da sempre ed ha accompagnato la storia dell’evoluzione dell’uomo.
Se per musica però intendiamo una precisa organizzazione di suoni collegati tra loro con precisi riferimenti estetici, quindi non semplice ritmo, allora dobbiamo risalire all’Antica Grecia dove la musica era considerata una vera e propria arte al pari di danza, teatro, poesia.

Furono i Greci, nello specifico Pitagora, a scoprire che la musica è governata da precise leggi matematiche e furono ancora loro ad assegnare alla musica un valore educativo in quanto ritenevano fosse in grado di arricchire l’animo umano.

Gli effetti della musica su animali, piante… e feti

La musica è così straordinaria che i suoi effetti benefici non si limitano solo agli esseri umani ma anche al mondo animale e a quello delle piante. Studi dell’Università di Madison nel Wisconsin hanno dimostrato che la produzione di latte da parte di mucche sottoposte a cicli di ascolto di musica può aumentare fino al 7,5% e che può invece ridursi drasticamente in caso di forti rumori continui (come allevamenti vicini ad aereoporti o strade ad alto traffico). La spiegazione risale all’effetto che la musica produce nella parte più primitiva del cervello della mucca che risponde a suoni in modo diverso.

Effetti simili sono stati riscontrati sulle piante. Rolando Benenzon, esperto di musicoterapia, dimostrò con un esperimento che due semi sottoposti alle stesse condizioni ambientali e di crescita, di cui uno però inserito in un contesto con musica trasmessa 24 ore su 24, crescono in modo diverso. Il seme nell’ambiente con la musica crebbe più rapidamente e generò frutti più grandi.

E gli effetti su produzione di latte e vigore delle piante cambiano nettamente a seconda anche dal tipo di musica a cui vengono sottoposte.

L’ultima curiosità che vogliamo raccontarci riguarda questo studio. Pare infatti che l’esposizione della mamma in gravidanza alla musica influisca significativamente sul comportamento del neonato. Rimane da dimostrare se tale influenza sia dovuta effettivamente all’ascolto da parte del feto oppure sia la madre ad esserne influenzata e a trasmetterla al feto. Fatto sta che è questa è scienza e che tutto questo rende la musica qualcosa di magico e meraviglioso.

Il TEEchallenge: TeeserMusicAwards

Veniamo a noi. Avrete capito che questo TEEchallenge per noi di Teeser è qualcosa di veramente speciale. Crediamo nel potere della musica e vogliamo che voi Teesigner ci dimostriate come sia possibile dar vita ad una combo su maglietta che non ha paragoni nella storia della T-shirt.
Avete tempo fino al 09/07 a mezzanotte per creare una maglietta da voi personalizzata con le vostre grafiche, design, immagini e utilizzando tutti gli strumenti creativi che trovate su Teeser App.
Come in tutti i TEEchallenge potrete partecipare con quante creazioni vorrete, basta che carichiate nella descizione della T-shirt l’hashtag #TeeserMusicAwards.

Il premio? Da leccarsi i baffi. 12 mesi di abbonamento Spotify in regalo per il primo classificato e 50 euro da spendere su Teeser per il secondo. Sarà la giuria di senior Teesigner a scegliere il più creativo, originale ed eclettico Teesigner che vincerà questo TEEchallenge.

E per tutti i dettagli o per vedere le migliori creazioni già caricate su Teeser visitate la pagina dedicata!

Buon ascolto Teesigner!

Condividi: